Cultura & Informazione da...

Associazione culturale

Idee & Sapori

P.IVA e Cod.fisc.:

04 87 64 90 28 7

 

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Contatti

Presidente: Bartolomei Loris

Vice-Presidente: Zaupa Orietta

 

Informativa sulla Privacy
e sulla navigazione del sito

Cerca nel sito

Collaborazioni

Partnes istituzionali

 

 

AssoCuochi Treviso

 

 Il Guado dell'Antico Mulino

 

Loco card

 

Progetti e partecipazioni

 

Comunità dei

Bisicoltori Veneti

 

 Tavolo di coordinamento

dei Prodotti tipici

della Provincia di Padova

 

Tesseramento

 

 

Promozione eventi

Aiutaci a crescere,

clicca Mi Piace ...

 

Promozione eventi:

 

 

Vite rossa

in erboristeria

 

Descrizione

La Vite rossa deriva dalla Vitis vinifera, conosciuta col nome di "Vite comune", appartenente alla famiglia delle Vitaceae; è un arbusto rampicante con foglie lobate decidue, che alla fine del loro ciclo vitale perdono la normale colorazione verde, acquisendo una colorazione rossa tipica, prima di staccarsi e cadere: questa caratteristica ha dato il nome in particolare alle cultivars "Vite rossa", caratterizzate dal frutto a grappolo nero con polpa rossa.

Il frutto della vite è una bacca chiamata acino, tipicamente riunito in grappoli, ben conosciuto da tutti: stiamo parlando infatti dell'Uva, il prodotto di una delle piante più note e utilizzate dall'uomo fin da tempi remotissimi, per produrre il vino che già lo stesso Ippocrate consigliava per curare molte malattie.

Oggi le moderne ricerche scientifiche hanno validato le proprietà attribuite dalla medicina popolare al frutto, ai semi e alle foglie della "Vite rossa".

L'uva matura è lassativa, diuretica e rinfrescante, ma essendo questo frutto molto ricco di zuccheri, è sconsigliato ai diabetici.

Le foglie possiedono proprietà officinali, soprattutto per l'apparato cardiovascolare; esse infatti contengono alcuni derivati polifenolici, come proantocianidine, flavonoidi, glucosidi, che con la loro attività, definita vitaminica P, hanno un'azione tonica sulle pareti venose, e sono perciò indicati in tutte le forme di vene varicose, flebiti, emorroidi.

Moderne sperimentazioni cliniche controllate "in doppio cieco" (questo significa che sia gli sperimentatori che i pazienti soggetti a sperimentazione, ignorano la natura del prodotto oggetto della ricerca, non ne conoscono la concentrazione, che può essere anche nulla in alcuni pazienti di controllo, per evitare influenze sui risultati dovute a suggestione), hanno dimostrato l'efficacia dei composti fenolici in pazienti con disturbi vascolari periferici, come pesantezza, edemi, dolore agli arti inferiori, dei quali si è avuta una significativa diminuzione.

Si è registrata una riduzione anche del tempo necessario per effettuare il drenaggio venoso periferico, soprattutto in pazienti con insufficienza venosa cronica.

Dai semi della Vite rossa e dalla buccia degli acini si estrae un fitocomplesso ricco di flavonoidi, antocianine, resveratrolo, acidi grassi polinsaturi e vitamine. Esso ha mostrato di possedere un'azione antiossidante ed endotelioprotettrice: protegge quindi le pareti più interne delle vene, riducendone la permeabilità e mantenendole più elastiche, azione utilissima nell'insufficienza veno-linfatica, nelle patologie cardiovascolari, e per quei disturbi che implicano problemi circolatori agli occhi, in particolare a livello della rètina.

I principi attivi contenuti nella Vite rossa sono quindi un valido supporto in caso di fragilità capillare, edemi agli arti inferiori con pesantezza e prurito, emorroidi, couperose, cellulite e costituiscono soprattutto un'efficace prevenzione dei disturbi circolatori che interessano l'apparato vascolare in genere. Ci soffermiamo in particolare sul contenuto in resveratrolo nella buccia degli acini dell'uva, della cultivar Vite rossa: questa sostanza antiossidante, che combatte gli effetti dannosi dei radicali liberi, con la vinificazione si trasferisce nel vino, perciò è stato ipotizzato che il consumo di vino rosso possa portare un reale beneficio all'apparato cardiovascolare.

In realtà questo è ancora da dimostrare: dagli esperimenti in vitro sembra che le dosi necessarie ad esplicare benefici evidenti siano in realtà molto elevate, per cui si dovrebbero consumare grandi quantità di vino rosso ogni giorno per raggiungere concentrazioni sufficienti di resveratrolo, il che non è assolutamente consigliabile, vista la tossicità dell'alcool per il fegato.

Molti professionisti ed esperti del settore ritengono che un consumo moderato, ma costante, di vino rosso durante i pasti (non più di due bicchieri al giorno), se gradito, possa nel lungo periodo essere salutare.

 

Voci correlate

- Botanica;

- Pianta officinale;

- Vitis vinifera (vite);

- Erbario virtuale;

 

Tratto da Wikipedia, elaborato e modificato.