Cultura & Informazione da...

Associazione culturale

Idee & Sapori

P.IVA e Cod.fisc.:

04 87 64 90 28 7

 

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Contatti

Presidente: Bartolomei Loris

Vice-Presidente: Zaupa Orietta

 

Informativa sulla Privacy
e sulla navigazione del sito

Cerca nel sito

Collaborazioni

Partnes istituzionali

 

 

AssoCuochi Treviso

 

 Il Guado dell'Antico Mulino

 

Loco card

 

Progetti e partecipazioni

 

Comunità dei

Bisicoltori Veneti

 

 Tavolo di coordinamento

dei Prodotti tipici

della Provincia di Padova

 

Tesseramento

 

 

Promozione eventi

Aiutaci a crescere,

clicca Mi Piace ...

 

Promozione eventi:

 

 

Vin brûlé

 

Descrizione

Il vin brûlé (o mulled wine, anche noto come Glühwein, dal tedesco, Vin Chaud in francese, Mulled Wine in inglese), che significa vino bruciato, è una deliziosa e aromatica bevanda, che va servita calda; preparata con vino rosso corposo, spezie, agrumi e zucchero, è corroborante, riscaldante e disinfettante, per questo viene adottata come cura contro il raffreddore, ed è molto usata nelle zone montane, dove il freddo è più accentuato.

Il vin brûlé è conosciuto e apprezzato in tutto il mondo; la sua preparazione è semplice e veloce e nonostante nei supermercati vengano vendute delle confezioni di spezie già pronte per l’uso, non è assolutamente difficile prepararlo in casa secondo i vostri personali gusti.

Sembra che il vin brûlé sia una bevanda alcolica molto antica, e che la sua nascita sia da attribuire ai frati, esperti conoscitori di erbe e spezie, che nei conventi si dedicavano anche alla preparazione del vino; per loro fu facile intuire gli effetti benefici che questa bevanda poteva avere contro il raffreddore; un farmaco naturale e delizioso, che era conosciuto fin dal Medioevo.

Il predecessore del vin brûlé è il conditum paradoxum dell'antichità; nel Medioevo invece si consumavano vini speziati freddi, come l'Ipocras (sinonimo di ippocrasso), e che somigliavano al moderno vin brûlé per le spezie usate e per il sapore.

Il costume di bere del vino cotto si diffuse soprattutto tra le popolazioni alpine o comunque dei paesi europei freddi. Successivamente, si diffuse positivamente in tutto il mondo, laddove occorre affrontare gelide giornate con una gradevole e confortante bevanda calda.

In Europa centrale si consuma vin brûlé soprattutto nel periodo dell'Avvento. In Italia, soprattutto settentrionale, si trova nei mercatini di Natale, o, più in generale, preparato artigianalmente in pentole o termos e distribuito al pubblico durante le feste popolari del periodo invernale, compreso Carnevale. In alcuni casi si trova anche in vendita già pronto imbottigliato, quindi solo da scaldare.

 

Ricetta

Ingredienti

- Vino rosso corposo: 1 litro;

- Cannella: 2 stecche;

- Zucchero: 200 g;

- Chiodi di garofano: 8;

- Limoni non trattati: 1;

- Arance non trattate: 1;

- Noce moscata: 1/2 grattugiata al momento;

- Anice stellato: 1.

 

Preparazione

Per preparare il vin brûlé preparate tutte le spezie che vi serviranno per la preparazione, quindi tagliate sottilmente la scorza del limone e dell’arancia, senza prendere anche la parte bianca, che renderebbe amara la preparazione.

In un tegame di acciaio dai bordi non troppo alti, versate lo zucchero, unite la scorza degli agrumi, le spezie e in ultimo versate il vino rosso corposo.

Ponete la pentola sul fuoco e portate lentamente a ebollizione; fate bollire a fuoco basso per 5 minuti mescolando fino al completo scioglimento dello zucchero. A questo punto avvicinate una fiamma alla superficie del vino, facendo molta attenzione a non scottarvi; l’alcol contenuto nel vino prenderà fuoco, e voi dovete lasciarlo fiammeggiare fino al completo spegnimento.

Quando il fuoco si sarà spento, filtrate il vin brûlé con un colino a maglie fittissime e servitelo fumante in una tazza.

 

Gradazione alcolica

La gradazione alcolica dipende ovviamente dal vino utilizzato, di solito dagli 11 ai 14 gradi alcolici. Lo zucchero aggiunto aumenta ancora l'assorbimento dell'alcool etilico contenuto nel vino, tuttavia sopra gli 80°C l'etanolo del vino evapora, pertanto la gradazione alcolica del vin brûlé è molto variabile e diminuisce in base al tempo (lento) ed il modo (fiamma bassa) di cottura dello stesso.

A fiamma molto alta c'è il rischio che l'etanolo prenda fuoco.

 

Voci correlate

- Vino;

- Prodotti tipici veneti;

- Bevanda alcolica;

 

Tratto da Wikipedia, elaborato e modificato.