Cultura & Informazione da...

Associazione culturale

Idee & Sapori

P.IVA e Cod.fisc.:

04 87 64 90 28 7

 

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Contatti

Presidente: Bartolomei Loris

Vice-Presidente: Zaupa Orietta

 

Informativa sulla Privacy
e sulla navigazione del sito

Cerca nel sito

Collaborazioni

Partnes istituzionali

 

 

AssoCuochi Treviso

 

 Il Guado dell'Antico Mulino

 

Loco card

 

Progetti e partecipazioni

 

Comunità dei

Bisicoltori Veneti

 

 Tavolo di coordinamento

dei Prodotti tipici

della Provincia di Padova

 

Tesseramento

 

 

Promozione eventi

Aiutaci a crescere,

clicca Mi Piace ...

 

Promozione eventi:

 

 

 Mistica

 

Descrizione

La mistica (dal greco mystikòs = misterioso, e questo da myein = chiudere, tacere) è la contemplazione della dimensione del sacro e ne comporta una esperienza diretta, "al di là" del pensiero logico-discorsivo e quindi difficilmente comunicabile.

 Nell'estasi mistica l'uomo si unisce con la "Verità ultima" della propria esistenza e dell'intera realtà cosmica.

 

Mistica e religione

L'estasi mistica si può ottenere al termine di un procedimento di progressivo distacco sia dalla conoscenza sensibile sia da quella razionale, fino alla perdita dell'"io" nel "tutto", ma può essere anche raggiunta spontaneamente, improvvisamente e senza cause apparenti. Gli episodi di estasi spontanea sono le apparizioni ai semplici pastorelli come i momenti fondanti nel percorso di un grande maestro o, addirittura, di una religione.

«L'angelo del Signore gli apparve in una fiamma di fuoco in mezzo a un roveto. Egli guardò ed ecco: il roveto ardeva nel fuoco, ma quel roveto non si consumava»  (Esodo 3:2).

Si possono distinguere tre fasi dello sviluppo di una religione. Il primo stadio è quello primitivo, nel cui contesto Levy-Bruhl parla di "partecipazione mistica", dove il divino è semplicemente presente ovunque, nelle piante, nei fiumi, nella terra, in cielo, negli animali, in ogni cosa e non vi sono distinzioni nella coscienza umana. Il secondo stadio è il momento creativo, a seguito di una rottura con lo stato primordiale diventa necessaria una ricomposizione, questo è il momento creativo di una religione in cui le energie sono rivolte allo sviluppo dei temi e dei miti relativi, la mistica non ha un ruolo in questa fase perché le energie sono dedicate alla costruzione ma quando una religione ha raggiunto un impianto consolidato, una diffusione ed una istituzionalizzazione con gerarchie e riti, in quel momento si sente il distacco dal contatto originale con il divino e lo si ricerca di nuovo, per colmare il baratro che si è venuto a creare; e si sviluppano le mistiche.

In tutte le grandi religioni del mondo vi sono correnti mistiche. Fondate sulla ricerca personale e sul contatto diretto col divino, le correnti mistiche possono apparire anarchiche ed in contrasto con le istituzioni delle Chiese, e se è vero che queste ultime hanno compiuto forme di repressione verso i movimenti estremistici o verso singoli esponenti che esprimevano una teologia "eretica", è vero anche che tutte le Chiese hanno eletto mistici come i massimi esempi della propria fede. Come scrive Giordano Berti nel "Dizionario dei Mistici" (Milano 1999, p.7), "ogni religione è in grado di offrire diverse strade mistiche, che possono assumere toni estremi, persino aberranti, ma che corrispondono evidentemente a una necessità interiore (si pensi solo alle penitenze cui si sottopongono certi monaci medioevali, alle torture sciamaniche, ai prolungati digiuni degli asceti induisti e jainisti). Dunque, la mistica può essere al tempo stesso un punto di contatto oppure un fattore di netto distacco e fra le diverse religioni proprio perché è relativa a differenti bisogni spirituali, in parte innati e in parte indotti dalle culture e dalle tradizioni locali.

- Nel Cristianesimo fin dai primi tempi si ritrovano correnti mistiche, alcune integrate e altre espulse come eretiche, lo gnosticismo, in Asia minore ed in Egitto i Padri del deserto. Nell'Ortodossia sono ammesse forme di ricerca mistica come l'esicasmo. In ambito cattolico, tra le personalità mistiche si possono ricordare Ildegarda di Bingen, Meister Eckhart, Teresa d'Avila, Giovanni della Croce, in quello protestante Jakob Böhme; ma la mistica non disdegna gli umili, per esempio la piccola Bernedetta di Lourdes. San Tommaso d'Aquino, la cui opera non è certo di stampo mistico, pure sembra avere vissuto alcune intense esperienze mistiche verso la fine della sua vita. Nel 1900 si è sviluppata in Italia una corrente mistica all'interno del movimento pentecostale guidata da Domenico Zaccardi inquadrabile però di più nell'incavo mistico rigorista; questo movimento che esiste ancora oggi cercava di cancellare dall'uomo tutti i suoi desideri, a cominciare dalla sessualità per sostituirli con un amore totale verso Cristo Gesù.

- Nell'ebraismo, la cabala è la corrente esoterica che affonda le radici negli stessi luoghi e negli stessi tempi della formazione delle correnti mistiche cristiane ma si sviluppa vigorosamente dal X secolo in poi (Abramo Abulafia), vi è poi cassidismo nato in Polonia nel XVIII secolo e l'anomalo movimento del sabbatianismo di Sabbatai Zevi nel XVII secolo.

- Nell'islam, le correnti mistiche si raccolgono attorno al sufismo, ma tutta la religione ha una impronta mistica. Le personalità: Al Ghazali, Gialal al-Din Rumi, Ibn Arabi.

- Il manicheismo si strutturava in classi dove potevano diventare sacerdoti solo i predestinati scegliendo una via di ascesi.

- Il buddhismo basato "teologicamente" sulla ricerca individuale ha consentito lo sviluppo di correnti mistiche come, ad esempio, lo Zen.

- Nelle religioni dei popoli primitivi, lo sciamanesimo consente il contatto diretto con le divinità.

I mistici possono avere comportamenti semplicemente anticonformisti o estremi. Nei primi secoli del Cristianesimo gli stiliti vivevano sulle colonne una vita di digiuno e di preghiera, i maestri zen impartivano insegnamenti con azioni che erano apparentemente contro ogni logica.

La mistica ha influenzato l'alchimia in una fase prescientifica e poi la psicologia con Carl Gustav Jung.

 

Mistici

Cristianesimo:

 - San Giovanni Climaco - VI secolo;

- Isacco di Ninive - VII secolo;

- Simeone il nuovo teologo - X-XI secolo;

- Ildegarda di Bingen - XI-XII secolo;

- Bernardo di Clairvaux - XII secolo;

- Francesco d'Assisi - XII-XIII secolo;

- Jacopone da Todi - XIII secolo;

- Bonaventura da Bagnoregio - XIII secolo;

- Caterina da Siena - XIV secolo;

- Brigida di Svezia - XIV secolo;

- Meister Eckhart - XIV secolo;

- Heinrich Suso - XIV secolo;

- Johannes Tauler - XIV secolo;

- Johannes Ruysbroeck - XIV secolo;

- Angela da Foligno - XIII-XIV secolo;

- Camilla da Varano, ossia sr. Battista - XV secolo;

- Teresa d'Avila - XVI secolo;

- San Giovanni della Croce - XVI secolo;

- Ignazio di Loyola - XVI secolo;

- Miguel de Molinos - XVII secolo;

- Angelus Silesius - XVII secolo;

- Maria di Ágreda - XVII secolo;

-Veronica Giuliani - XVII-XVIII secolo;

- Serafina Brunelli - XVII-XVIII secolo;

- Jeanne Bouvier Guyon - XVIII secolo;

- Anna Katharina Emmerick - XVIII-XIX secolo;

- Catherine Labouré - XIX secolo;

- Pierre Teilhard de Chardin - XIX-XX secolo;

- Thomas Merton - XIX-XX secolo;

- Teresa di Lisieux - XIX-XX secolo;

- Teresa Neumann - XIX-XX secolo;

- Marta Robin - XIX-XX secolo;

- Simone Weil - XX secolo;

- Faustina Kowalska - XX secolo;

- Maria Valtorta - XX secolo;

- Pierina Gilli - XX secolo;

- Jacques Fesch - XX secolo;

- Maria Simma - XX-XXI secolo;

- Madre Teresa di Calcutta - XX-XXI secolo;

- Papa Giovanni Paolo II - XX-XXI secolo;

- Natuzza Evolo XXI secolo;

- Gemma Galgani XIX-XX secolo.

 

Ebraismo:

- Akiba ben Joseph - I secolo;

- Abramo Abulafia - XIII secolo;

- Mosè di Burgos;

- Isaac ben Solomon Luria - XVI secolo;

- Sabbatai Zevi - XVII secolo;

- Nachman di Bratislava - XVIII secolo;

- Mosè Luzzatto - XVIII secolo;

- Abraham Isaac Kook - (1864 – 1935).

 

Islamismo:

- Dhu l-Nun al-Misri - IX secolo;

- Al Hallaj - IX-X secolo;

- Al Ghazali - XII secolo;

- Farid al-Din al-Attar - XII-XIII secolo;

- Mohyddin ibn Arabi - XII-XIII secolo;

- Abu l-Hasan al-Shadhili - XIII secolo;

- Jalāl al-Dīn Rūmī - XIII secolo;

- Bahā al-Dīn Naqshbandī - XIV secolo.

 

Bahaismo:

- Bahaullah - XIX secolo.

 

Induismo:

 - Shankara - IX secolo;

- Ramanuja - XII secolo;

- Ramananda - XIII secolo;

- Chaitanya - XVI secolo;

- Ramakrishna - XIX secolo;

- Vivekananda - XX secolo;

- Yogananda - XX secolo;

- Shivananda - XX secolo;

- Prajapita - XX secolo;

- Baktivedanta Prabhupadha - XX secolo.

 

Sikhismo:

- Nanak - XVI secolo;

- Kabir - XVII secolo;

- Arjun - XVII secolo.

 

Buddhismo:

- Anuruddha - X secolo;

- Asvaghosa - I secolo;

- Bodhidharma - VI secolo;

- Guanding - VI secolo;

- Huineng - VIII secolo;

- Nichiren - XIII secolo;

- Milarepa - XII secolo;

- Saicho - IX secolo;

- Santideva - (VIII secolo);

- Tsongkhapa - XIV secolo;

- Zhiyi - VI secolo.

 

Taoismo:

- Lao Tze - VII-VI secolo a.C.;

- Khang Tao-ling - II secolo.

 

Jainismo:

- Mahavira noto anche come Vardhamana - VI-V secolo a.C.;

- Hemacandra - XII secolo.

 

Shintoismo:

- Nakayama Miki - XIX secolo;

- Deguchi Nao - XIX-XX secolo;

- Kawate Bunjiro - XIX-XX secolo;

- Kitamura Sayo - XX secolo;

- Okada Mokichi - XX secolo.

 

Voci correlate

 - Mistero;

- Divinazione;

- Religione;

- Esoterismo;

- Occulto;

 

Tratto da Wikipedia, elaborato e modificato.