Cultura & Informazione da...

Associazione culturale

Idee & Sapori

P.IVA e Cod.fisc.:

04 87 64 90 28 7

 

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Contatti

Presidente: Bartolomei Loris

Vice-Presidente: Zaupa Orietta

 

Informativa sulla Privacy
e sulla navigazione del sito

Cerca nel sito

Collaborazioni

Partnes istituzionali

 

 

AssoCuochi Treviso

 

 Il Guado dell'Antico Mulino

 

Loco card

 

Progetti e partecipazioni

 

Comunità dei

Bisicoltori Veneti

 

 Tavolo di coordinamento

dei Prodotti tipici

della Provincia di Padova

 

Tesseramento

 

 

Promozione eventi

Aiutaci a crescere,

clicca Mi Piace ...

 

Promozione eventi:

 

 

Microbiologia alimentare

 

Descrizione

Da un lato sub-disciplina della Scienza degli alimenti, dall'altro branca della Microbiologia (scienza che studia gli esseri microscopici), a sua volta parte della Biologia (scienza che studia gli esseri viventi), la Microbiologia alimentare si occupa esclusivamente dei microrganismi che hanno a che fare, nel bene e nel male, con i prodotti alimentari.

 

Generalità sui microbi

Per microbi o microrganismi si intendono esseri di dimensioni dell'ordine dei micron (milionesimi di metro o millesimi di millimetro) e quindi individualmente invisibili se non ingranditi di circa 1.000 volte con l'uso del microscopio ottico. Solo l'insieme di svariati milioni di individui nei brodi o terreni di coltura, danno manifestazioni evidenti ad occhio nudo (torbidità nei liquidi e macrocolonie nei mezzi "solidi").

Sono i veri padroni della Terra e alcuni studiosi ipotizzano addirittura spostamenti interplanetari. Esistono sul pianeta almeno da 3,5 miliardi di anni, in confronto con i 2,5 milioni per l'uomo, e non è difficile pensare che continueranno ad esistere dopo l'estinzione del genere umano. Hanno in effetti risorse straordinarie, sia in termini di resistenza che di capacità di adattamento agli ambienti più ostili. Questo deriva, tra l'altro, dai brevissimi tempi di moltiplicazione (sull'ordine dei venti minuti per i batteri mesofili): nel tempo di una generazione per l'essere umano, un microrganismo ha circa un milione di riproduzioni successive e, proporzionalmente, altrettante possibilità di evolvere in forme più efficienti, tant'è vero che ce ne sono che sopportano temperature altissime o bassissime, elevate pressioni, radiazioni, agenti chimici fortemente tossici, le atmosfere più ostiche, i nutrienti più insoliti come plastica e idrocarburi.

Sono diffusi a miliardi di miliardi su tutto il pianeta, compresi i siti più inospitali. Sono nell'acqua, nell'aria, nel suolo, sulle piante, sulla superficie ed all'interno del corpo degli animali e dell'uomo.

 

Riproduzione microbica

Si riproducono per lo più per scissione binaria, cioè duplicandosi, secondo un andamento che, se avviene in un ambiente circoscritto, segue una curva caratterizzata da quattro fasi distinte:

- fase di latenza o Lag-fase, in cui la crescita è quasi nulla in quanto c'è un tempo più o meno lungo dedicato all'adattamento all'ambiente;

- fase esponenziale, con crescita regolare in base a duplicazioni successive secondo una progressione matematica (Nt = N0 2t/g) dove Nt è il numero di cellule in funzione del tempo trascorso t, e g è il tempo di generazione);

- fase stazionaria, in questa fase non è vero che il numero di cellule nate eguaglia il numero di cellule morte; é una fase di massimo sviluppo in cui le cellule smettono di duplicarsi;

- fase di morte, in cui i metaboliti tossici generati nella riproduzione hanno il sopravvento e portano il ceppo microbico verso l'estinzione.

 

Le spore

A differenza dei Batteri che presentano il meccanismo riproduttivo citato sopra, i Fungi si riproducono per gemmazione alcuni, per sporulazione altri. Le spore microbiche, che per i Fungi attengono alla riproduzione, un po' quello che sono i semi per le piante, nell'ambito delle Bacillaceae (Bacillus e Clostridium) sono forme inattive di autoprotezione, straordinariamente resistenti a qualsiasi tipo di avversità, che le cellule vegetative possono assumere all'uopo.

 

Microbi ed alimenti

Un numero relativamente limitato di microrganismi presenta un interesse pratico nel campo alimentare, tra quelli comunemente indicati come Batteri, Lieviti e Muffe, i primi procarioti (le forme più antiche, senza nucleo), i rimanenti eucarioti (con nucleo) del regno dei Fungi.

Le caratteristiche di compatibilità ambientale secondo cui possono essere classificati i microrganismi nell'ottica delle problematiche alimentari, possono essere:

- il pH (acidofili, neutrofili, basofili),

- la temperatura (psicrofili, mesofili, termofili),

- l'ossigeno (aerobi, anaerobi, aerotoleranti),

- i sali (alofili),

- zuccheri e aw (osmofili).

Ma la prima e più importante suddivisione deve essere tra microrganismi dannosi e utili in relazione al consumo di alimenti.

 

Microbi utili

Limitatamente agli alimenti, alcuni microrganismi sono di grande utilità per trasformare convenientemente prodotti dell'agricoltura con interessanti risultati, sia sul piano della commestibilità che della conservabilità. Basta pensare, tra le applicazioni più antiche, alla panificazione ed alla vinificazione ad opera di saccaromiceti, e poi allo sconfinato mondo dei prodotti caseari ottenuti con lattofermenti e muffe, e ancora all'aceto, ai salumi, ai crauti, alle olive da tavola, ai capperi, ai cetriolini, alla birra, al whisky ecc....

Inoltre un gruppo particolare di batteri lattici (Lactobacillus, Bifidobacterium, Enterococcus e altri), legati alla preparazione di latti acidi (yogurt e simili), si ritiene abbiano, se ingeriti vivi in numero elevato, un effetto positivo sulla salute dell'ospite in relazione al rafforzamento del suo ecosistema intestinale. Sono da considerarsi essi stessi alimenti e vengono definiti probiotici per i loro effetti benefici.

 

Microbi dannosi

I microrganismi dannosi per chi consuma alimenti, in linea di massima si possono suddividere in:

- patogeni trasmessi con gli alimenti e causa diretta di infezioni (es. Salmonella typhimurium),

- tossigeni, produttori di tossine che, ingerite con il cibo, generano intossicazioni (es. Clostridium botulinum),

- responsabili di alterazione del substrato alimentare in cui si riproducono rendendolo incommestibile (es. muffe).

 

In realtà nei casi pratici si verifica spesso la combinazione tra i punti sopra riportati.

All'origine del problema c'è necessariamente una contaminazione microbica dell'alimento,

- primariamente dall'atmosfera, dall'acqua e dal terreno, per quanto concerne i prodotti-base derivanti dall'agricoltura: tranne casi particolarmente anomali, si tratta di una presenza naturale, "fisiologica", che si controlla agevolmente con le banali tecniche di pulizia e lavaggio;

- successivamente i materiali che vanno in lavorazione possono essere ricontaminati dall'ambiente, dalle attrezzature, dal personale: in questo caso i rischi sono maggiori e la prevenzione risiede nelle Norme di buona fabbricazione, cioè regole rigorose che impongono determinati comportamenti come l'uso di guanti, copricapi e mascherine da parte degli operatori, o interventi come la filtrazione dell'aria, la sterilizzazione delle attrezzature ecc....

Alla fine ciò che resta deve essere messo in condizioni di sicurezza mediante adeguate tecniche di conservazione (riscaldamento, raffreddamento, disidratazione, additivazioni ecc...), confezionamento e trasporto, affinché nell'alimento, che rimane potenzialmente un ottimo terreno di coltura, non sia consentito lo sviluppo della microflora residua.

Si possono riscontrare tre tipologie di malattie alimentari, quali:

- Infezione: ingestione di alimenti contaminati da batteri vivi (Salmonella, Shigella, Yersinia, Vibrio colera, Escherichia coli, Campilobacter, Listeria);

- Tossinfezione: ingestione di alimenti in cui sono presenti tossine e batteri vivi che producono tossine (Bacillus cereus, Clostridium perfringens);

- Intossicazione: ingestione di alimenti contaminati da tossine (Stafilococcus aureus, Clostridium botulinum).

 

Aree principali

La Microbiologia alimentare abbraccia una serie di argomenti specifici e specialistici, tra cui:

 

Fermentazioni alimentari

Nel significato più ampio, anche se improprio, ci si riferisce a tutte le trasformazioni di substrati alimentari ottenute volontariamente con l'ausilio di microrganismi. Se si escludono le preparazioni domestiche e quelle realizzate in piccole realtà artigianali, come possono essere le malghe di montagna, si tratta di procedimenti applicati in aziende ed impianti di certe dimensioni: in questa ottica rientrano nel capitolo della Microbiologia industriale, che comprende settori farmaceutici o para-farmaceutici (antibiotici, starter, enzimi ecc...) e alcuni aspetti dell'impiantistica civile, come la depurazione delle acque, o la produzione di biogas.

 

Malattie microbiche da alimenti

Botulismo e Salmonellosi sono le patologie più note e pericolose, ma ci sono tanti altri casi di infezioni, intossicazioni e tossinfezioni che possono colpire, in forme più o meno gravi, i consumatori di alimenti contaminati da Staphylococcus aureus, Escherichia coli, Bacillus cereus, Clostridium perfringens, Streptococcus fecalis ecc....

Le infezioni alimentari sono provocate dall'ingestione di alimenti che sono contaminati da microbi patogeni vivi. Giungendo nell'apparato digerente tali microrganismi si moltiplicano danneggiando la mucosa e dando luogo a sintomi la cui gravità può variare. Tra l'ingestione dell'alimento e la comparsa dei sintomi possono passare da poche ore a vari giorni. Le infezioni alimentari più frequenti possono essere provocate da:

- Brucella (brucellosi);

- Campilobacter (campilobatteriosi);

- Escherichia coli enteroemorragici;

- Listeria monocytogenes (listeriosi);

- Mycobacterium bovis;

- Salmonella (salmonellosi);

- Shigella (shigellosi);

- Vibrio pahaemolyticus;

- Yersinia enterocolica;

- enterovirus.

 

Botulismo

Il botulismo è una malattia causata dall'ingestione di una potente tossina prodotta da Clostridium botulinum. Durante il suo sviluppo all'interno dei barattoli può produrre del gas che determina dei rigonfiamenti del barattolo stesso. Le cause della malattia sono attribuibili sia a carenze igieniche durante le fasi di lavorazione dell'alimento sia ad un trattamento termico di sterilizzazione non adeguato alla tipologia di prodotto alimentare.

Gli alimenti maggiormente coinvolti nella malattia sono:

- conserve di verdure (soprattutto sott'olio e sotto vuoto),

- conserve e semiconserve di carne (prosciutti, insaccati, carne in scatola),

- conserve e semiconserve di pesce (tonno e pesce sottoposto a trattamenti di affumicatura).

 

I sintomi della malattia si possono presentare dopo 12-36 ore dall'ingestione dell'alimento, ma delle volte si presentano anche dopo 2-6 giorni, e consistono in disturbi alla vista, vertigini, mal di testa, secchezza della bocca, difficoltà respiratoria fino alla paralisi dei muscoli respiratori e del muscolo cardiaco.

Il Botulismo può essere prevenuto adottando delle semplici regole:

- adeguata sterilizzazione delle conserve,

- inserimento di acidificanti negli alimenti,

- aggiunta di sale nelle conserve di carne,

- conservare gli alimenti a temperature inferiori a 10°C,

- gettare le confezioni che presentano rigonfiamenti (potrebbe essere presente il gas prodotto dal batterio).

 

Salmonellosi

Le gastroenteriti dovute agli alimenti provocate da salmonelle sono tra le malattie trasmesse da alimenti più frequenti. Le salmonelle sono patogeni per l'uomo e per gli animali e se ne conoscono moltissime specie ma solo poco più di una decina sono responsabili di forme gastroenteriche. Questi microrganismi vivono nell'intestino dell'uomo e di altri animali come bovini, pollame, suini, animali domestici o selvatici. Si diffondono nell'ambiente attraverso le feci di malati o di portatori e nell'acqua in cui possono sopravvivere anche per mesi. La diffusione nell'ambiente è aggravata dal fatto che anche dopo la guarigione il batterio è presente nelle feci per periodi fino a sei mesi e dall'esistenza di portatori sani. I soggetti particolarmente esposti al rischio di infezione da Salmonella sono gli anziani, i bambini e le persone debilitate da altre malattie. La maggior parte dei casi e delle epidemie si sviluppano nei mesi estivi.

I sintomi gastroenterici compaiono dopo 12-72 ore e persistono per alcuni giorni. L'infezione si manifesta con febbre, brividi, dolori addominali, diarrea, nausea, vomito, cefalea e sensazione di malessere. La guarigione è spontanea in quasi tutti i casi, per soggetti deboli la malattia si potrebbe diffondere all'intero organismo e potrebbe richiedere il ricovero ospedaliero.

La causa principale della malattia sono gli alimenti di origine animale contaminati all'origine, tuttavia, essendo la manipolazione scorretta da parte degli operatori una delle principali fonti di contaminazione, tutti gli alimenti possono essere contaminati e provocare la malattia. Anche gli ortaggi concimati con letame o irrigati con acque contenenti liquami sono spesso all'origine di salmonellosi. Gli alimenti contaminati anche da grandi quantità di Salmonella non presentano alterazioni delle caratteristiche organolettiche. Le cause principali sono:

- contaminazione all'origine delle materie prime,

- manipolazione da parte di operatori portatori sani,

- contaminazione crociata,

- cottura insufficiente,

- scarsa igiene del personale e della lavorazione.

 

Gli alimenti da considerare maggiormente a rischio sono:

- uova e prodotti a base di uova,

- pollame e derivati,

- carni (particolarmente suine) e prodotti a base di carne (inclusi salumi freschi),

- frutti di mare,

- prodotti di origine vegetale che hanno subito concimazione naturale, irrigati o lavati con acque inquinate da feci.

 

La salmonellosi può essere prevenuta con queste semplici regole:

- lavarsi accuratamente le mani dopo aver utilizzato i servizi igienici,

- mantenere sempre la catena del freddo,

- controllare la temperatura dei cibi sia durante che dopo la cottura,

- prestare particolare attenzione alla contaminazione crociata tra cibi crudi e cibi cotti durante la preparazione e la conservazione degli alimenti,

- gli operatori del settore alimentare devono sempre osservare una igiene dell'abbigliamento e delle mani,

- le attrezzature e gli utensili devono essere lavati accuratamente dopo l'utilizzo per la lavorazione di alimenti crudi,

- tutti gli addetti alla manipolazione degli alimenti devono essere formati ed informati.

L'argomento ovviamente sconfina nella Medicina e nella Sanità pubblica.

 

Alterazioni microbiche di alimenti

In questo elenco si raccolgono i problemi legati alle trasformazioni indesiderate di prodotti alimentari ad opera di microrganismi, tipo ammuffimenti, marciumi, mucillagini, insorgenza di odori e sapori anomali ecc... che ne compromettono le caratteristiche organolettiche e quindi la commestibilità, creando problemi più che altro commerciali e legali.

Tra le trasformazioni indesiderate di prodotti alimentari si ha la contaminazione microbica e chimica del latte e della carne.

 

Contaminazione microbica del latte

Dopo la mungitura la quantità e il tipo di microrganismi presenti nel latte sono variabili e rispecchiano lo stato di salute dell'animale, le tecniche di mungitura e le condizioni igienico-sanitarie delle attrezzature, dell'ambiente e del personale. La microflora del latte, raccolto e trasportato seguendo rigorosamente le regole di una corretta prassi, è costituita principalmente da microrganismi saprofiti, non patogeni che provengono dall'animale stesso e dall'ambiente. La carica microbica è contenuta. Se l'animale presenta malattie (ad esempio bucellosi, mastiti o tubercolosi) e le condizioni del personale, delle attrezzature e quelle igienico-sanitarie sono scadenti, si avrà una carica microbica molto elevata nel latte e si potrà avere una contaminazione a causa di patogeni in grado di provocare malattie nell'uomo (per esempio batteri dei generi Salmonella, Listeria, Mycobacterium).Il latte crudo che non viene sottoposto a trattamenti termici si altera molto velocemente a causa dell'azione dei microrganismi presenti e a causa dell'attività enzimatica (irrancidimento dei grassi e degradazione delle proteine che portano alla formazione di odori e sapori sgradevoli). Il consumo di latte crudo o di prodotti a breve stagionatura derivati dal latte crudo comporta un maggior rischio di natura microbiologica ed è una delle cause più frequenti di tossinfezioni alimentari.

 

Contaminazione chimica del latte

Il latte rappresenta "l'ambiente" nel quale l'animale produttore vive o viene allevato, i tipi di foraggi e mangimi con il quale viene nutrito e le sostanze farmacologiche usate. Per questo nel latte possono esserci numerosi residui, presenti accidentalmente o come conseguenza di pratiche agricole e di allevamento illecite che possono portare effetti nocivi sulla salute delle persone. I contaminanti accidentali comprendono anche gli inquinanti ambientali (metalli pesanti, pesticidi, diossine e radionuclidi), i residui di farmaci permessi negli allevamenti, ma usati nel modo sbagliato. Tra i residui che derivano da pratiche illecite troviamo principalmente le sostanze usate in modo abusivo dagli allevatori per migliorare la resa e la produttività delle vacche da latte (ormoni, anabolizzanti e antibiotici). Ci può essere una contaminazione anche durante la mungitura, nelle fasi successive di lavorazione (residui di detergenti per pulizia impianti) oppure durante la conservazione del prodotto. Alcuni residui di farmaci oltre ad essere pericolosi per i consumatori, possono impedire lo sviluppo di batteri utili usati nei processi di trasformazione per quanto riguarda la produzione di derivati del latte.

 

Contaminazione microbica delle carni

Essendo la carne un ottimo substrato per lo sviluppo microbico durante il processo di macellazione l'azienda deve tener conto di particolari normative. Alcune delle quali:

- evitare il contatto tra carcasse appena macellate (la cute eventualmente contaminata di un animale potrebbe contaminarne un'altra adiacente se è a contatto con essa);

- seguire la "Regola della marcia in avanti" per evitare che la carcassa attraversi più volte la stessa zona;

- evitare qualsiasi tipo di contatto con i visceri dell animale che, dopo essere stati separati, devono seguire un'altra linea.

Questo per evitare che nella carne a fine macellazione si trovino microrganismi patogeni indesiderati quali Coliformi, Salmonella o Listeria che normalmente non sono presenti nella carne. I microrganismi normalmente presenti nelle carni sono di tipo alterativo e non patogeno come Pseudomonas (areuginosa esclusa), Brochothrix, batteri lattici, muffe e lieviti. A seconda del tipo di conservazione o confezionamento ognuna di queste specie avrà un dominio sull'altra e altererà il prodotto in vari modi. Nella refrigerazione con temperatura da 0 a 7 gradi centigradi il dominio sarà di Pseudomonas che in pochi giorni produrrà molti composti volatili che daranno putrefazione con odori caratteristici molto forti e sgradevoli (per esempio il vomito). Nella refrigerazione ventilata invece il dominio sarà di muffe e lieviti in quanto la ventilazione abbassa l'umidità.

Nelle carni conservate in atmosfera protettiva cioè a CO2 il dominio sarà dei batteri lattici che producendo dalle loro fermentazioni acido lattico daranno all'apertura della confezione un caratteristico odore acidulo. Ma se trascorre eccessivo tempo dalla macellazione al confezionamento il dominio potrebbe passare al Brochothrix che produrrà composti volatili a caratteristici odori (odore di formaggio per esempio). In base alla carica microbica di ognuno delle specie alteranti e in base al tempo trascorso potrebbero verificarsi altre alterazioni quali lo "Slime" che è la formazione di una patina collosa superficiale causato da batteri lattici e Pseudomonas, l'inverdimento causato da proteine che si denaturano e rilasciano composti solforati come H2S, o l'acidificazione causata dal metabolismo dei batteri lattici.

 

Sicurezza degli alimenti

È un'area che, oltre ad investire la cultura del consumatore e l'attività delle Pubbliche Autorità di Controllo, è pesantemente presente nella strategia dell'Industria alimentare, con l'introduzione di prassi quali le Norme di Buona Fabbricazione (GMP da Good Manufacturing Practice), il sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Points), l'educazione ed il monitoraggio sanitario del personale, la sensibilizzazione dei fornitori, tutto sotto l'egida del Controllo qualità aziendale.

 

Controllo microbiologico degli alimenti

Qui si tratta specificatamente del Laboratorio batteriologico (il "braccio armato" del Controllo Qualità), delle specifiche microbiologiche di materie prime, semilavorati, prodotti finiti, nonché di acqua, aria e superfici, dei metodi di campionamento e di analisi, dell'attività di registrazione, elaborazione e gestione dei dati.

I microrganismi monitorati dal laboratorio variano a seconda dei prodotti e delle tecnologie. Nel caso di prodotti per i quali non è previsto alcun trattamento "sterilizzante", il controllo può riguardare, sia a monte che a valle del processo, il Conteggio Mesofili Totali (indicatore generale), gli Streptococchi fecali ed i cosiddetti coliformi (indicatori di contaminazione fecale), Muffe e Lieviti (indicatori di cattiva conservazione), Clostridi solfito-riduttori, Escherichia coli, Salmonella (presenze pericolose).

Sulle materie destinate alla sterilizzazione si ricercano specie sporigene, raggruppate convenzionalmente in:

- TA (Termofili Anaerobi) come il Clostridium thermosaccharolyticum,

- PA (Putrefattivi Anaerobi) come il Clostridium botulinum,

- FS (Flat Sour) (°) come il Bacillus coagulans,

mentre il prodotto finito è sottoposto a Test di incubazione a 32°C e 55°C per rilevare gli effetti di spore (rispettivamente mesofile e termofile) sopravvissute al trattamento termico.

(°) Flat Sour = spore di microrganismi in grado di acidificare (sour) il prodotto senza rigonfiare i contenitori, lasciando cioè piatti (flat) i fondelli dei barattoli.

 

Regola del TAT

Questa regola ha l'obiettivo di evidenziare la possibilità di ridurre lo sviluppo batterico negli alimenti, limitando così la probabilità di originare una patologia alimentare causata dallo sviluppo di microrganismi indesiderati e la conseguente elaborazione di tossine pericolose.

Per ambiente si intende il luogo dove i batteri crescono (suolo, aria, acqua, uomo, superfici, alimenti) in modo differente a seconda delle condizioni ambientali.

Le condizioni ambientali (acqua libera, acidità, nutrienti, ossigeno, luce, disinfettanti) influenzano in modo determinante la crescita batterica.

La "Regola del TAT" è la regola per limitare la crescita batterica e prevenire la possibilità che si sviluppi una malattia alimentare.

Devono essere sempre tenuti sotto controllo tre parametri fondamentali: Tempo, Ambiente e Temperatura.

I microrganismi necessitano di “acqua libera” sempre a disposizione per vivere e riprodursi, perché non possono utilizzare l’acqua legata a componenti come i sali, le vitamine, le proteine o gli zuccheri.

Maggiore è la concentrazione di acqua libera nell’alimento, maggiore è la probabilità che i microrganismi aggrediscano l’alimento.

L’acqua libera viene espressa come attività dell’acqua aW (activity water) = P/Po: è il rapporto tra la tensione di vapore dell’acqua dell’alimento (P) e quella dell’acqua pura (Po) ad uguale temperatura e pressione. Nell’acqua pura P = P 0 e aW =1 mentre negli alimenti aW è < 1.

 

aW

Alimenti

1.00 - 0.95

ortofrutta, carne, pesce, latte, mollica di pane; fino al 40% di zucchero o 7% di sale.

0.95 - 0.91

alcuni formaggi, prosciutto, succhi concentrati; fino al 55% di zucchero o 12% di sale.

0.91 - 0.87

salami, prodotti da forno lievitati, formaggi duri, margarina; fino al 65% di zucchero o 15% sale.

 

 Voci correlate

- Alimento;

- Microbiologia e Microrganismo;

- Colorazione di Gram;

- Conservazione degli alimenti;

- Classificazione dei batteri;

- Biologia;

- Malattia;

- Fermentazione;

- Scienza alimentare;

 

Tratto da Wikipedia, elaborato e modificato.