Cultura & Informazione da...

Associazione culturale

Idee & Sapori

P.IVA e Cod.fisc.:

04 87 64 90 28 7

 

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Contatti

Presidente: Bartolomei Loris

Vice-Presidente: Zaupa Orietta

 

Informativa sulla Privacy
e sulla navigazione del sito

Cerca nel sito

Collaborazioni

Partnes istituzionali

 

 

AssoCuochi Treviso

 

 Il Guado dell'Antico Mulino

 

Loco card

 

Progetti e partecipazioni

 

Comunità dei

Bisicoltori Veneti

 

 Tavolo di coordinamento

dei Prodotti tipici

della Provincia di Padova

 

Tesseramento

 

 

Promozione eventi

Aiutaci a crescere,

clicca Mi Piace ...

 

Promozione eventi:

 

 

 Comune di Legnaro

 

Descrizione

Il Comune di Legnaro è situato in Provincia di Padova ed ospita uno dei quattro laboratori italiani dell'"Istituto Nazionale di Fisica Nucleare" e le Facoltà di Agraria e Medicina Veterinaria dell'Università degli Studi di Padova. Vi si trovano inoltre l'Istituto linguistico e culturale "Il Mulino", e la sede centrale dell'ente regionale Veneto Agricoltura, situata all'interno delle storiche mura della Corte Benedettina.

 

Comuni confinanti

Brugine, Padova, Polverara, Ponte San Nicolò, Sant'Angelo di Piove di Sacco, Saonara.

 

Storia

Breve storia di Legnaro

<<Da Padova per Porta Ponte Corvo varcando il ponte San Nicolò si perviene a Legnaro, col quale il distretto principia. Questo allegro villaggietto è nomato in un placito del 1055 tenuto dai Messi regii nel Prato della Valle di Padova. Olderico vescovo il 1076 raffermò al monastero di Santa Giustina di Padova la dizione che avea sulle proprie possessioni in Legnaro, e gli donò la sua chiesa di San Biagio con le decime, il quartese, che le spettavano, ed oltracciò la palude Memora (Nemora), che partiva i beni del monastero da quelli del Vescovato, onde venne la distinzione di Legnaro del Vescovo e Legnaro dell'Abbate, che apparisce da uno statuto del 1234 e dura ancora. Altri terreni vi ebbe quel monastero dal vescovo Pietro il 1101.

Anche Legnaro fu luogo rilevante nell'età di mezzo con castello e con Podestà alla testa del suo governo. Quello era posto nella contrada di Boccadorsaro, detta Boccadorsarium in una legge del 1234, e lo teneano i Picapra, che avevano anche in Padova una casa fortificata tenuta inespugnabile. Venne più tardi in potere della Republica Padovana; indi fu rovinato dagli Scaligeri (1318), ristaurato da Francesco I da Carrara (1372) e distrutto l'anno vegnente da Alberto di Correggio capitano dei Veneziani. I Podestà di Legnaro per la legge del 1276 riceveano lo stipendio di lire 30 per semestre. Vi ebbe la podesteria nel 1221 certo Enrigino giudice.

Oltracciò mostra l'antica importanza di Legnaro l'antedetta sua chiesa parocchiale di San Biagio, che noverava niente meno che ventisette benefizi chericali, oltre al benefizio del rettore. Nel 1427 papa Martino V ridusse quei ventisette benefizj a soli nove, che vent'anni appresso furono convertiti al mantenimento della chiesa da papa Eugenio V. Poscia papa Paolo IV (1557) obbligò il monastero di Santa Giustina patrono a tenervi due sacerdoti col titolo di vicarj perpetui, ognuno col beneficio di 60 ducati per anno. Durarono questi fino a che visse il monastero. Oggi la chiesa è di patronato regio e la governano un vicario perpetuo e due cappellani curati. Ne sosteneano i monaci il mantenimento per un terzo della spesa, e ne permisero la ricostruttura al Comune, principiata il 20 aprile 1779, onde risultò più ampia e grandiosa, ad una nave, con elegante facciata. Ha un colossale tabernacolo di marmo sovra l'altare maggiore; e nella mensa di questo è scolpito il pellicano che pasce i piccini, tra le tavole della legge ed altri simboli religiosi, opera commendevole di Giovanni Fusaro, che vi pose il suo nome.

Sparve lo spedale di Santa Maria, che avea cinque letti, ed era ministrato dalla fraternita del titolo stesso. Ne rimase la chiesetta, ampliata nel secolo scorso. Inoltre le Visite vescovili ci ricordano gli oratorj del sacerdote Montan (1778), della Luchese Priuli Zambelli (1822), del Businello (1752-1822), di Parmesano Santi (1701), distrutto innanzi il 1752 e la campestre di Santa Maria del Bolparo eretta da Antonio ed Enrico Volparo, volgarmente Bolparo, per testamento del loro padre Lorenzo nel 1333.

I Businello vi hanno ancora villeggiatura, nella quale trovi una copiosa collezione di vetuste lapidi, statue romane e greche, frammenti di statue, rilievi bellissimi in marmo, colonnine, frammenti di cornici, capitelli di colonne, un rilievo finitissimo figurante un uomo che stringe la mano ad una matrona seduta, idoletti, una statua acefala di porfido, un busto in basalto, vasi etruschi ed altre pregevoli anticaglie. Faceano parte del rinomato Museo Nani di Venezia, del quale esiste la illustrazione a stampa.

Questo villaggio ci diede Zilietto da Legnaro sarte che fu anziano in Padova il 1265. Il Rezzonico per vistarlo pernottò nella casa appellata corte dei monaci di Santa Giustina (3 ottobre 1752).

Gli abitanti della parocchia, oggi 3165, erano soli 800 il 1580. Parecchi vivono comperando da altri villaggi i polli, e spacciandoli altrove, segnatamente in Padova. Vi hanno più terre il cav. Silvestro Camerini successo a quei monaci, e Lodovico nob. Folco. La contrada Scandalò di Legnaro è ricordata in un documento del 1178, col quale Bartolommea moglie ad Albertino da Baone donò al monastero di Santo Stefano di Padova, ponendo sopra il suo altare l'istromento della donazione, due poderetti siti in quella contrada>>.

(Da: Il territorio padovano illustrato per Andrea Gloria, v. 3, P. 274-277. - Padova : Prosperini, 1862).


Monumenti

Corte Benedettina

La Corte Benedettina, meeting center e sede della Biblioteca comunale:

La Corte Benedettina di Legnaro, sorella della più famosa Corte di Corezzola, affonda le sue origini nell'Alto Medioevo, anche se l'attuale complesso di edifici è il frutto di varie ristrutturazioni ed ampliamenti che si sono susseguiti nel corso dei secoli.

Le notizie più antiche su Legnaro e la sua curtis risalgono alla bolla di Gregorio IV, inviata all'Abate di Santa Giustina nell'828 e nell'830, che conferma la lunga lista dei beni già in possesso del Monastero.

La Corte Benedettina di Legnaro è, comunque, un segno eloquente del potere politico-economico raggiunto dal Monastero di Santa Giustina nell'Alto Medioevo.

Il Monastero, in quell'epoca, non era solo centro di cultura e religiosità, ma anche un'azienda organizzatissima, relativamente a tale periodo storico.

Oggi, dopo un adeguato restauro, in questa Corte Benedettina rivivono e convivono, grazie all'insediamento della Biblioteca Comunale e dell'Azienda Regionale Veneto Agricoltura, le due anime culturale e rurale che ne hanno sempre fortemente caratterizzato l' esistenza nei secoli.

La Biblioteca Comunale di Legnaro ha iniziato la sua attività nel 1979. Ha cambiato sede ben 4 volte, approdando nel 2001 in Corte Benedettina, con uno spazio disponibile di ben 300 mq, suddivisi in: Reception, Sala Adulti, Sala Ragazzi, Area Consultazione, Area Internet.


Storia della Corte Benedettina

La Corte Benedettina rappresenta il monumento più prezioso e significativo della comunità di Legnaro, centro economico, sociale e culturale del paese, sorta nel 400 per iniziativa dei Monaci di Santa Giustina di Padova e cresciuta nei secoli con l'aggregazione di edifici successivi.

All'inizio del 500 venne completata l'ala di Nord-Est con la parte residenziale per i Monaci e quella destinata a magazzino, precedute entrambe da un portico; tutta l'area della corte fu cintata da un muro con torre Colombaia a ovest. Nel 1717 fu riedificato il muro di cinta e forse alla metà del secolo vennero prolungate le ali su via Roma e via Orsaretto.

Nel 1810, soppresse le corporazioni religiose, la corte passò allo stato che la vendette nel 1837 a Ermanno Todesco, un banchiere e imprenditore ebreo di Vienna.

Nel 1841 fu edificata l'ala ovest con la stalla e il fienile e nel 1852 il prolungamento della ala nord su via Orsaretto con la filanda.

Morto nel 1844 Ermanno Todesco, i figli nel 1854 vendettero la tenuta di Legnaro e Polverara di 5737, 16 campi al Conte Silvestro camerini.

La corte passò nel 1934 da Paolo camerini alla società l'anonima imprese agricole, nel 1949 alla conduzioni immobiliari società per azioni e nella 1958 ente nazionale Tre Venezie.

Alla soppressione dell'ente, divenne proprietà della regione che la assegnò in parte all'ESAV (ente per lo sviluppo agricolo del veneto e ora veneto agricoltura), in parte al comune di Legnaro per attività culturali e sociali.

L'ESAV decise di collegare la corte al vicino polo tecnologico "Agripolis" e promosse nel triennio 1994-96 il restauro della"ex-filanda" e delle stalle destinate all'animazione scientifica e organizzativa, alla dimostrazione e diffusione delle informazioni e e all'accoglienza di operatori e ricercatori.

Il Comune di Legnaro affidò nel 1986 ad uno studio di Padova il progetto di restauro della ala più antica di Nord-Est, ma i lavori, cominciati nel 1987, furono sospesi per gravi problemi strutturali.

Alla fine del 1997 ed ebbe inizio, a cura della regione veneto, una completa ristrutturazione statica e architettonica del complesso che si concluse nella 1999.

I quattro corpi del fabbricato di circa 2000 mq. di superficie, ospitano oggi il centro di formazione e divulgazione corte benedettina, oltre a iniziative promosse e dai diversi soggetti del sistema agroalimentare veneto.

Il Comune di Legnaro ha in uso una parte del lato est con l'ampio salone per la biblioteca e due vani per le attività culturali.

Il nucleo più antico del complesso, risalente al XV secolo, si articola a forma di L sui lati nord e est (fino alla zona porticata). i due blocchi sono collegati all'esterno su via Roma da una ampio portico preceduto da una scala.

La palazzina a nord ha un piano terra di 320 mq diviso in otto vani, un cantinato con volte a botte e al primo piano un ampio locale con tetto a capiate, sostenuto anche dal due file di pilastri centrali. Sulla lato Est sorgono due edifici a due piani (il primo di 260 mq con 4 vani e un portico a pianterreno e 6 celle dei Monaci con soffitto a volta al primo piano; il secondo di 170 mq, in parte usato come stalla. Un arioso portico e un passo carraio danno accesso la corte.

Il complesso, molto rimaneggiato e alterato nei secoli, possiede ancora preziosi elementi antichi, ad esempio le eleganti colonnine in pietra di Nanto con capitelli antecedenti al XV secolo, le tracce di pittura sul lato interno della palazzina a Est, i soffitti e cassettoni in legno dipinto in alcune stanze della palazzina a nord e due caminetti di pietra ottocenteschi con maioliche dipinte.

È stata anche recuperata l'antica chiesetta di Santa Giustina, degradata e usata come officina meccanica.

La corte fu per secoli il fulcro da cui si irradiavano tutti gli interventi sul territorio riguardanti il lavoro e la salvaguardia del suolo; qui si raccoglievano decime, quartesi, onoranze, affitti, qui si ricorreva per la giustizia e la pietà. Intorno all'ampio spazio centrale con la pesa e l'aia di cotto si aprivano un tempo stalle, granai, cantine, fienili, rimesse, magazzini, locali per cedraia, legnaia, allevamento dei bachi da seta e lavori artigianali.

La potenza economica del monastero e il lavoro della popolazione si integravano le si manifestavano nella corte, vero momento alla comunità Legnaro, oggi finalmente richiamato in vita non solo con un restauro conservativo, ma con nuove funzioni culturali e sociali in armonia col presente.

 

Voci correlate

- Provincia di Padova;

- Regione Veneto;


Tratto dal sito del Comune di Legnaro, elaborato e modificato.