Cultura & Informazione da...

Associazione culturale

Idee & Sapori

P.IVA e Cod.fisc.:

04 87 64 90 28 7

 

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Contatti

Presidente: Bartolomei Loris

Vice-Presidente: Zaupa Orietta

 

Informativa sulla Privacy
e sulla navigazione del sito

Cerca nel sito

Collaborazioni

Partnes istituzionali

 

 

AssoCuochi Treviso

 

 Il Guado dell'Antico Mulino

 

Loco card

 

Progetti e partecipazioni

 

Comunità dei

Bisicoltori Veneti

 

 Tavolo di coordinamento

dei Prodotti tipici

della Provincia di Padova

 

Tesseramento

 

 

Promozione eventi

Aiutaci a crescere,

clicca Mi Piace ...

 

Promozione eventi:

 

 

Genere: Schinus

 

Descrizione

Schinus (L., 1753) è un genere di piante appartenente alla famiglia Anacardiaceae, originario delle regioni calde dell'America centromeridionale e della California che comprende circa 30 specie di alberi o arbusti alti fino a 12 m.

Il nome del genere deriva dal greco schinos (= lentisco).

 

Classificazione scientifica

Dominio: Eukaryota;

Regno: Plantae;

Sottoregno: Tracheobionta;

Superdivisione: Spermatophyta;

Divisione: Magnoliophyta;

Classe: Magnoliopsida;

Sottoclasse: Rosidae;

Ordine: Sapindales;

Famiglia: Anacardiaceae;

Genere: Schinus (L., 1753).

 

Tassonomia

Il genere comprende le seguenti specie:

- Schinus areira (L.);

- Schinus bumelioides (I.M. Johnst.);

- Schinus engleri (F.A. Barkley);

- Schinus fasciculata ((Griseb.) I.M. Johnst.);

- Schinus ferox (Hassl.);

- Schinus gracilipes (I.M. Johnst.);

- Schinus johnstonii (F.A. Barkley);

- Schinus kauselii (F.A. Barkley);

- Schinus latifolius ((Gillies ex Lindl.) Engl.);

- Schinus lentiscifolius (Marchand);

- Schinus longifolia ((Lindl.) Speg.);

- Schinus marchandii (F.A.Barkley);

- Schinus meyeri (F.A. Barkley);

- Schinus microphyllus (I.M. Johnst.);

- Schinus molle (L.);

- Schinus montana (Engl.);

- Schinus myrtifolia ((Griseb.) Cabrera);

- Schinus patagonica ((Phil.) I.M.Johnst. ex Cabrera);

- Schinus patagonicus ((Phil.) I.M. Johnst.);

- Schinus pearcei (Engl.);

- Schinus pilifera (I.M. Johnst.);

- Schinus polygama ((Cav.) Cabrera);

- Schinus praecox ((Griseb.) Speg.);

- Schinus ramboi (F.A. Barkley);

- Schinus roigii (Ruiz Leal & Cabrera);

- Schinus sinuatus (Engl.);

- Schinus spinosus (Engl.);

- Schinus terebinthifolia (Raddi);

- Schinus velutinus ((Turcz.) I.M. Johnst.);

- Schinus venturii (F.A. Barkley);

- Schinus weinmannifolius (Engl.).

 

Le specie più conosciute sono:

- Schinus molle o falso pepe, albero sempreverde di grandi dimensioni 8–10 m, originario del Perù, con chioma tondeggiante e rami ricadenti, le foglie coriacee, di colore verde chiaro, sono composte, imparipennate, con numerose foglioline lanceolate, dal margine liscio o seghettato, con fioritura estiva bianco-giallastra, con i fiori riuniti in pannocchie pendenti, e fruttificazione autunnale con piccole drupe aromatiche di colore rosa-rossastro, riunite a grappolo;

- Schinus terebinthifolia o pepe rosa, originario del Sud America, piccolo albero sempreverde alto fino a 7 m, con un corto tronco, chioma densa con foglie aromatiche, composte, formate da 7-13 foglioline, ellittico-ovate, di colore verde, con margine liscio o seghettato, specie dioica ha numerosissimi piccoli fiori bianchi o giallo-verdastri, riuniti in racemi ascellari o terminali, che fioriscono in maggio-giugno, i frutti sono bacche aromatiche riunite a grappolo.

 

Uso

Come pianta ornamentale, per la bellezza del fogliame e la ricca e lieve fioritura che ricorda quella delle mimose, nei viali, parchi, e grandi giardini.

I frutti dal sapore aromatico, vengono utilizzati come succedanei del pepe, con l'accortezza di moderarne la quantità in quanto contengono sostanze potenzialmente tossiche.

 

Proprietà medicinali

Bisogna prestare attenzione al contatto con le foglie in quanto possono causare dermatiti, mentre i frutti sono leggermente tossici e non vanno assunti in grandi quantità.

I frutti che contengono resine, tannino, glucosio ed un'essenza aromatica, hanno proprietà diuretiche, stomatiche, toniche, utili nelle bronchiti e nelle infezioni delle vie urinarie.

La corteccia e le foglie, vantano proprietà diuretiche, per uso topico utilizzate nella cura di piaghe e ulcerazioni.

Le gommo-resine contenute nei frutti avrebbero un'attività purgativa e antigottosa.

 

Metodi di coltivazione

Molto coltivato nelle zone più calde dell'Italia, dove a volte si trova rinselvatichito, non sopporta temperature inferiori ai -7°C, vuole esposizione in pieno sole, posizione riparata dai venti freddi, terreno permeabile e profondo, anche se si adatta a qualunque tipo di terreno purché ben drenato e concimato, frequenti concimazioni e irrigazioni estive nei primi anni dall'impianto, la potatura si rende necessaria per ottenere una forma compatta della chioma, e per eliminare i rami secchi e danneggiati.

Si moltiplica con la semina autunnale in terrine e trapianto nella primavera successiva, o più raramente per talea.

 

Voci correlate

- Botanica;

- Spezia;

- Cucina;

- Ingrediente;

- Gusto;

- Pianta aromatica;

- Erbario virtuale;

- Famiglia: Anacardiaceae;

 

Tratto da Wikipedia, elaborato e modificato.