Cultura & Informazione da...

Associazione culturale

Idee & Sapori

P.IVA e Cod.fisc.:

04 87 64 90 28 7

 

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Contatti

Presidente: Bartolomei Loris

Vice-Presidente: Zaupa Orietta

 

Informativa sulla Privacy
e sulla navigazione del sito

Cerca nel sito

Collaborazioni

Partnes istituzionali

 

 

AssoCuochi Treviso

 

 Il Guado dell'Antico Mulino

 

Loco card

 

Progetti e partecipazioni

 

Comunità dei

Bisicoltori Veneti

 

 Tavolo di coordinamento

dei Prodotti tipici

della Provincia di Padova

 

Tesseramento

 

 

Promozione eventi

Aiutaci a crescere,

clicca Mi Piace ...

 

Promozione eventi:

 

 

Fritillaria imperialis

(fritillaria imperiale)

 

Descrizione

La Fritillaria imperiale (Fritillaria imperialis, Linnaeus 1758) è una pianta perenne monocotiledone appartenente alla famiglia delle Liliaceae.

La Fritillaria imperialis è nativa dell'Iran, Afghanistan, Pakistan, Turchia e della regione Himalayana.

Pare che il particolare odore del bulbo respinga i roditori, per questo Fritillaria veniva spesso coltivata nel XVI- XVII secolo a ridosso delle abitazioni forse senza tenere troppo in considerazione la bellezza stupefacente dell'erbacea.

Molto apprezzata nei "Giardini segreti" del '600 di tutta Europa, è oggigiorno una bulbosa ancora poco utilizzata e scarsamente conosciuta mentre era di gran lunga la specie più conosciuta e anche una delle prime piante coltivate: Clusius introdusse questa essenza maestosa in Olanda nel XVI secolo. Ci sono inoltre pervenute illustrazioni delle Fritillaria imperialis risalenti al 1610.

Per una crescita vigorosa della Fritillaria imperialis è bene porre a dimora in luogo semi ombreggiato, in modo che le piante ricevano alcune ore di sole al mattino; non temono il freddo. Prima di interrare i bulbi è bene considerare che necessitano di un ampio spazio per svilupparsi al meglio e sistemarli ad una buona distanza da altre piante. Possono mostrare segni di sofferenza se sistemate in luoghi pienamente soleggiati, soprattutto durante il periodo estivo quando le temperature sono più elevate.

Delle 80 varietà conosciute non tutte sono di semplice coltivazione, gli amatori e gli esperti collezionisti ne curano diverse selezioni dai colori sorprendenti.

 

Classificazione scientifica

Dominio: Eukaryota;

Regno: Plantae;

Sottoregno: Tracheobionta;

Divisione: Magnoliophyta;

Classe: Liliopsida;

Sottoclasse: Liliidae;

Ordine: Liliales;

Famiglia: Liliaceae;

Genere: Fritillaria;

Specie: Fritillaria imperialis.

 

Nomi comuni

- Fritillaria imperiale;

- Corona imperiale.

 

Coltivazione

Il bulbo, dall'insolita forma con un foro al centro, deve essere interrato in Autunno ad una profondità pari a 3-4 volte il suo diametro in un terreno morbido di qualunque tipo ben drenato.

Posizionare il bulbo sul fianco per evitare ristagni d'acqua all'interno della depressione centrale, ciò scongiurerà marciume.

Verificare all'acquisto che il bulbo sia turgido e con qualche radice (il cattivo odore è normale!), spesso lo si trova all'interno di trucioli. Dopo averlo interrato le piogge saranno sufficienti fino alla Primavera.

I bulbi di fritillaria imperialis fioriscono al meglio quando vengono lasciati indisturbati; si pongono a dimora in autunno, e talvolta cominciano a fiorire a partire dal secondo anno dopo la messa a dimora. Il terreno migliore per la crescita della corona imperiale è formato da sabbia e torba. Per fornire il nutrimento necessario alle nuove piante, è bene mescolare dello stallatico maturo al terreno.

In genere le piante di corona imperiale non vengono attaccate da parassiti o da malattie; sono però sensibili all'eccessiva umidità che può portare all'insorgere di malattie fungine che, se non curate con celerità, possono portare alla morte degli esemplari colpiti.

Fritillaria imperialis è adatta a capienti contenitori in cui il terriccio andrà sostituito annualmente.

Potatura: tagliare alla base a fine ciclo vegetativo se coltivate in giardino. Come tutte le bulbose, occorre attendere l'essiccazione del fogliame prima di recidere la parte erbacea che va protetta dalle lumache.

Il bulbo può rimanere in situ per il meritato riposo, non teme le gelate, non occorre annaffiare durante la stagione calda (in natura Fritillaria cresce in zone secche d'Estate e innevate in Inverno).

 

Moltiplicazione

Dopo la fioritura, le fritillarie imperiali producono dei lunghi baccelli contenenti numerosi semi fertili, che si seminano a fine primavera direttamente a dimora. Se la semina viene fatta nella stagione fredda, allora, sarà opportuno permettere la radicazione dei nuovi esemplari in un contenitore posto in luogo protetto, per permettere la germinazione prima di sistemarli a dimora; è anche possibile staccare i bulbilli dai bulbi a dimora da qualche anno, l'operazione potrebbe però compromettere la fioritura per l'anno successivo.

 

Voci correlate

- Erbario virtuale;

- Genere: Fritillaria;

- Botanica;

- Giardinaggio;

- Micoflora italiana;

 

Tratto da Wikipedia, elaborato e modificato.