Cultura & Informazione da...

Associazione culturale

Idee & Sapori

P.IVA e Cod.fisc.:

04 87 64 90 28 7

 

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Contatti

Presidente: Bartolomei Loris

Vice-Presidente: Zaupa Orietta

 

Informativa sulla Privacy
e sulla navigazione del sito

Cerca nel sito

Collaborazioni

Partnes istituzionali

 

 

AssoCuochi Treviso

 

 Il Guado dell'Antico Mulino

 

Loco card

 

Progetti e partecipazioni

 

Comunità dei

Bisicoltori Veneti

 

 Tavolo di coordinamento

dei Prodotti tipici

della Provincia di Padova

 

Tesseramento

 

 

Promozione eventi

Aiutaci a crescere,

clicca Mi Piace ...

 

Promozione eventi:

 

 

Fortaia col pessetto

(frittata con gli avannotti)

 

Tipologia

Secondo piatto.

 

Descrizione

Un piatto di grande valore preparato con ingredienti sempici e, un tempo, poveri. Le uova, il latte e la farina erano prodotti comuni anche tra i poveri mentre "el pessetto" (il pesciolino, ovvero gli avannotti) veniva pescato lungo le rive dei fiumi; in particolare il Fiume Brenta era habitat di sanguinerole (morette), scazzoni (marsoni) e avannotti di altri pesci che risalivano le correnti del fiume.

Oggi la difficile reperibilità di questo pescato induce una sostituzione forzata, ma altrettanto gustosa, con gli avannotti di trota allevata nelle zone del Brenta.

 

Ricetta

Ingredienti

- 5 uova intere;

- 1 cucchiaio di farina tipo 00;

- 1/2 bicchiere di latte;

- 50 g. di avannotti di trota;

- un pizzico di sale;

- una noce di burro;

- olio di arachide per friggere;

 

Preparazione

Lavate gli avannotti, infarinateli con poca farina e friggeteli nell'olio; scolateli e metteteli ad asciugare molto bene nella carta assorbente. In una pirofila sbattete le uova energicamente con una frusta e aggiungete un pizzico di sale. Quando sono ben sbattute e omogenee aggiungete anche il latte e la farina, e continuate a mescolare.

Scaldate una padella con un filo d'olio ed una noce di burro, versate il pesce già cotto in precedenza e versateci sopra le uova precedentemente sbattute; aspettate le uova inizino a cuocere e agitate la pentola coprendola con un coperchio. Appena le uova si sono rapprese girate il contenuto della pentola sotto sopra e rimettete il coperchio, attendendo ancora qualche minuto.

Quando la frittata è cotta fatela scivolare in un piatto e tagliatela a spicchi. Può essere servita calda ma in passato veniva consumata con maggiore entusiasmo il giorno dopo, a temperatura ambiente, quando i sapori si erano ben amalgamati tra loro.

 

Versioni

Esiste una versione con la cipolla bianca, aggiungendone circa 50 grammi ma la quantità può essere aumentata secondo il gusto personale. Un'altra versione prevede l'aggiunta di pepe quando la frittata è già posta sul piatto.

 

Voci correlate

- Pesce;

- Cucina;

- Ricettario;

- Secondo piatto;

- Prodotti tipici veneti;

 

Tratto da Wikipedia, elaborato e modificato.