Cultura & Informazione da...

Associazione culturale

Idee & Sapori

P.IVA e Cod.fisc.:

04 87 64 90 28 7

 

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Contatti

Presidente: Bartolomei Loris

Vice-Presidente: Zaupa Orietta

 

Informativa sulla Privacy
e sulla navigazione del sito

Cerca nel sito

Collaborazioni

Partnes istituzionali

 

 

AssoCuochi Treviso

 

 Il Guado dell'Antico Mulino

 

Loco card

 

Progetti e partecipazioni

 

Comunità dei

Bisicoltori Veneti

 

 Tavolo di coordinamento

dei Prodotti tipici

della Provincia di Padova

 

Tesseramento

 

 

Promozione eventi

Aiutaci a crescere,

clicca Mi Piace ...

 

Promozione eventi:

 

 

Farmacologia

 

Descrizione

La farmacologia (dal greco pharmakon (φάρμακον), veleno, e logos (λόγος), discorso) è la scienza che si dedica allo studio di come le sostanze chimiche interagiscono con gli organismi viventi. Qualsiasi sostanza ad attività biologica, sia essa dotata di proprietà terapeutiche e non, che abbia la capacità di modulare funzioni fisiologiche preesistenti, alterando lo stato funzionale del sito d'azione su cui agisce, viene definito farmaco. Questa scienza si suppone venne inventata dai medici arabi a Bagdad durante l’età dell’oro dell’Islam. Le farmacopee più antiche sono scritte in arabo e risalgono a prima del VII secolo (Amin A. Khairallah: Outline of Arabic Contributions to Medicine: Chapter X, Chemistry and Pharmacy. 1946).

 

Branche della farmacologia

La farmacologia include:

- la farmacocinetica, scienza che studia i processi cui il farmaco è sottoposto dall'organismo dalla sua assunzione alla sua eliminazione. Comprende quattro fasi (assorbimento, distribuzione, metabolismo ed escrezione), note anche con l'acronimo ADME;

- la farmacodinamica che studia come una molecola produce un effetto su un organismo;

- la farmacogenetica studia l'influenza dei geni sull'attività delle medicine sull'organismo;

- la tossicologia che si interessa in modo specifico delle molecole che hanno un effetto nocivo sull'organismo;

- la farmacovigilanza o farmacosorveglianza che è l'attività di controllo sui farmaci in commercio, allo scopo di individuarne eventuali effetti collaterali non registrati nella fase di sperimentazione;

- la farmacognosia che studia le droghe medicinali preparate a partire da fonti naturali, comprese piante, organismi, minerali ecc....

Lo sviluppo di un farmaco è un concetto vitale per la medicina, ma ha anche forti implicazioni politiche ed economiche. Per proteggere il consumatore e prevenire gli abusi molti governi regolano la fabbricazione, la vendita e la somministrazione dei medicinali; in Italia è il Ministero della Salute che se ne occupa.

La farmacopea ufficiale italiana è invece il testo unico di tutti i farmaci e le sostanze eccipienti ammesse in Italia, ha pari valore anche la Farmacopea Ufficiale Europea.

 

Formazione scientifica

Lo studio dei composti chimici farmaceutici richiede l'intima conoscenza dei sistemi biologici coinvolti; con l'aumentata conoscenza della biologia cellulare e della biochimica, il campo della farmacologia è cambiato sostanzialmente. È diventato possibile, attraverso l’analisi molecolare dei recettori cellulari, progettare un composto chimico che agisca su specifici comunicazioni cellulari o vie metaboliche agendo direttamente sul recettore cellulare coinvolto nel processo sul quale si intende intervenire. Allo scopo la farmacologia si avvale inoltre del contributo di varie discipline tra cui Chimica, Fisiologia, Patologia, Batteriologia, Immunologia, Zoologia, Botanica. Questa disciplina viene studiata nei corsi di laurea di Medicina, di Farmacia, di CTF, dove rappresenta uno dei perni fondamentali del bagaglio scientifico-professionale, mentre in altri indirizzi di studi si presenta come una materia integrativa e facoltativa (Scienze biologiche ecc...).

 

Classificazione

I farmaci possono essere classificati in vario modo, secondo proprietà chimico-fisiche, modo di somministrazione e il sistema biologico bersaglio. Un sistema di classificazione elaborato ed ampiamente usato è il sistema di classificazione "Anatomical Therapeutic Chemical" (ATC), redatto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS o WHO), che gli affianca il "Defined Daily Dose" (DDD), cioè la dose giornaliera di un farmaco, per cui la sigla diventa ATC/DDD. In base a questo sistema i farmaci vengono divisi in:

- Farmaci per l'apparato digerente e il metabolismo;

- Farmaci per il sangue e per gli organi che lo formano;

- Farmaci per l'apparato circolatorio;

- Farmaci dermatologici;

- Farmaci per l'apparato uro-genitale e gli ormoni sessuali;

- Preparazioni da ormoni sistemici, esclusi gli ormoni sessuali e l’insulina;

- Anti-infettivi per uso sistemico;

- Antineoplastici e agenti che modulano il sistema immunitario;

- Farmaci per l'apparato muscolare e l'apparato scheletrico;

- Farmaci per il sistema nervoso;

- Prodotti antiparassitari, insetticidi e repellenti;

- Farmaci veterinari;

- Farmaci per il sistema respiratorio;

- Farmaci per gli organi di senso;

- Vari.

 

Voci correlate

- Farmaco;

- Farmacopea;

- Chimica;

- Medicina;

- Scienza;

- Biologia;

Benessere;

- Fitoterapia;

 

Tratto da Wikipedia, elaborato e modificato.