Cultura & Informazione da...

Associazione culturale

Idee & Sapori

P.IVA e Cod.fisc.:

04 87 64 90 28 7

 

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Contatti

Presidente: Bartolomei Loris

Vice-Presidente: Zaupa Orietta

 

Informativa sulla Privacy
e sulla navigazione del sito

Cerca nel sito

Collaborazioni

Partnes istituzionali

 

 

AssoCuochi Treviso

 

 Il Guado dell'Antico Mulino

 

Loco card

 

Progetti e partecipazioni

 

Comunità dei

Bisicoltori Veneti

 

 Tavolo di coordinamento

dei Prodotti tipici

della Provincia di Padova

 

Tesseramento

 

 

Promozione eventi

Aiutaci a crescere,

clicca Mi Piace ...

 

Promozione eventi:

 

 

Dolcificante o Edulcolorante

 

Descrizione

Un dolcificante (o edulcorante) è una sostanza usata per addolcire alimenti o altri prodotti destinati ad entrare nel cavo orale (ad esempio un collutorio o farmaci altrimenti amari). Alcuni tipi si trovano in natura, altri vengono prodotti in laboratorio.

Il potere dolcificante, a parità di quantità, può variare molto fra le diverse sostanze. Oltre a questa caratteristica, possono essere accomunati per capacità conservative e lassative.

 

Dolcificanti naturali

- Saccarosio (il comune zucchero da cucina),

- Fruttosio,

- Glucosio,

- Sorbitolo,

- Xilitolo,

- Glicina,

- Lattosio,

- Stevioside,

- Monellina.

 

Dolcificanti artificiali

- Acesulfame K,

- Aspartame,

- Saccarina,

- Sucralosio,

- Maltitolo,

- Isomalto.

 

Effetti fisiologici dei dolcificanti

In generale i dolcificanti nell'uomo e in diversi altri mammiferi, stimolano il pancreas a sintetizzare insulina. L'insulina è l'ormone che stimola le cellule corporee ad assorbire glucosio. Di conseguenza la concentrazione di glucosio nel sangue (la glicemia) diminuisce.

I dolcificanti artificiali stimolano la produzione di insulina (a causa del gusto del dolce) in persone sane e abbassano quindi la loro glicemia. La conseguente iperinsulinemia stimola l'appetito.

In diabetici che li usano normalmente non varia la glicemia, perché o non producono più abbastanza insulina (Diabete mellito di tipo 1) oppure le loro cellule sono diventate insensibili all'insulina (Diabete mellito di tipo 2).

Questo effetto di “stimolazione dell'appetito” veniva usato (quando i maiali dovevano ancora essere grassi) per l'allevamento di suini, aggiungendo al cibo un po' di saccarina.

Chi intende perdere chili consumando prodotti "light" o surrogati di zucchero, ingerisce sicuramente meno calorie, ma deve tener presenti:

- un aumento di appetito;

- gli effetti di una persistente iperinsulinemia (rischio di Diabete mellito di tipo 2);

- gli effetti scomodi di una ipoglicemia reattiva;

- i problemi causati dall'aspartame o del ciclamato di sodio in sostituzione dello zucchero.

 

Voci correlate

- Diabete;

- Malattia;

- Glucide;

- Patologia;

- Stevia rebaudiana;

- Additivi alimentari;

 

Tratto da Wikipedia, elaborato e modificato.